Polemica tra Klaus Davi e la Biblioteca Palatina di Parma, custode della più antica Bibbia ebraica stampata

Simone Verde: " Il testo fu prestato nel 2013 alla Regione Calabria che lo espose al proprio padiglione del Salone del libro di Torino”.

 

L'attacco del massmediologo Klaus Davi alla Biblioteca Palatina di Parma viene rispedito al mittente. La Palatina custodisce la prima Bibbia stampata in ebraico con data certa, data alla luce a Reggio Calabria nel 1475 ad opera del tipografo di Abraham ben Garton.


Il noto massmediologo Klaus Davi, da anni attivo nella cultura ebraica, accusa di "razzismo" i vertici del museo parmigiano per - dice "non avere risposto a numerosi amministratori calabresi che hanno fatto richiesta di ospitare nelle loro gallerie il prezioso libro". Nel tweet si legge: “Non vedo non sento non parlo. Diversi amministratori calabresi hanno chiesto alla Direzione della Biblioteca Palatina di Parma di poter ospitare la Bibbia in Calabria. Nessuna risposta. Trattati come camorristi da un museo pagato anche dai contribuenti meridionali. Poi Matteo Renzi dice che il Sud è una priorità per il Paese... Caro Matteo aiuta almeno Tu la Calabria”.

 

La risposta di Simone Verde, direttore del polo della Pilotta, non si è fatta attendere: "L'affermazione di Davi è estremamente confusa e inesatta. Il testo fu prestato nel 2013 alla Regione Calabria che lo espose al proprio padiglione del Salone del libro di Torino.

 

Altre ipotesi di prestito vennero prospettate e alcune ebbero anche l'autorizzazione del ministero ma vennero a mancare i presupposti finanziari perché i progetti in questione andassero in porto.

 

Alla luce di questi fatti si rammenta il dovere di chiarezza ed esattezza nell'informazione onde non calunniare nessuno. A cominciare dai cittadini campani, tirati in ballo con il riferimento alla Camorra per una falsa notizia eventualmente calabrese, terra si sa, martoriata purtroppo e piuttosto dalla 'Ndrangheta".

 

(fonte La Gazzetta di Parma)

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Chi è online

Abbiamo 56 visitatori e nessun utente online

Vai all'inizio della pagina