×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 98

USA; sentenza favorevole a fotografa cristiana che rifiuta matrimoni gay -

I guai della fotografa cristiana erano cominciati nel 2016 quando aveva pubblicato un post sul suo blog, per spiegare che non avrebbe potuto prestare i suoi servizi a un matrimonio gay.

 

Secondo la corte, lo stato del Wisconsin, e la sua capitale Madison, non possono imporre ad una fotografa cristiana di fotografare un matrimonio tra persone dello stesso sesso.

 

L'Alliance Defending Freedom (ADF), un'associazione cristiana conservatrice, che ha curato la difesa della fotografa cristiana evangelica Amy Lawson, ha reso noto che il distretto giudiziario della Contea di Dane, ha votato martedì una risoluzione per stabilire che Lawson è esentata dalle leggi dello stato e del comune, che dovessero imporle di fotografare matrimoni tra persone dello steso sesso per non subire disastrose sanzioni.

 

L'ADF spiega in una nota che sebbene la corte non abbia ancora emanato una ingiunzione ufficiale specifica sul caso, essa è attesa per le prossime settimane.

 

Secondo il comunicato stampa, la corte ha stabilito che la 25enne Lawson, titolare della sua agenzia fotografica, non è soggetta alle norme statali e comunali che vietano che nei luoghi pubblici avvengano discriminazioni sulla base dell'orientamento sessuale.

 

Secondo quanto si legge nel comunicato, la corte ha motivato l'esenzione della Lawson con il fatto che la fotografa non possieda un negozio fisico, e le norme in questione andrebbero a discriminare la sua libertà d'espressione.

 

La sentenza ha importanti implicazioni per tutti coloro nel Wisconsin sono chiamati ad esprimersi sulla libertà d'espressione” dichiara Jonathan Scruggs portavoce dell'ADF. “Significa che i pubblici ufficiali debbano permettere ai professionisti creativi privi di bottega, della città e in ogni parte dello stato, la libertà di decidere quale idea realizzare e quale espressione artistica promuovere.”

  

I guai della fotografa cristiana erano cominciati nel 2016 quando aveva pubblicato un post sul suo blog, per spiegare che non avrebbe potuto prestare i suoi servizi a un matrimonio gay. 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Chi è online

Abbiamo 81 visitatori e nessun utente online

Vai all'inizio della pagina