Chapecoense, calciatore sopravvissuto: “Dio mi ha dato una seconda possibilità”.

 Uno dei giocatori del Chapecoense sopravvissuti al terribile incidente aereo si è salvato grazie ad un cambio di posto con un suo compagno di spogliatoio.

Alan Ruschel , uno dei giocatori del Chapecoense sopravvissuti al terribile incidente aereo nel quale, a fine novembre, ha perso la vita quasi tutta la squadra brasiliana, si e’ salvato grazie ad un cambio di posto con un suo compagno di spogliatoio. Alan che ha raccontato ai giornalisti di stare meglio e di voler tornare a giocare a calcio dopo che si sarà ripreso dall’infortunio alla schiena, unica conseguenza dello schianto.

Ruschel ha anche detto di voler fare visita al più presto alle famiglie dei suoi compagni morti. Nel disastro aereo sono morte 71 persone e solo sei sono sopravvissute. “Solo Dio – ha detto il calciatore – puo’ spiegare perché sono sopravvissuto. Mi ha afferrato e mi ha dato una seconda possibilità”.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Chi è online

Abbiamo 60 visitatori e nessun utente online

Vai all'inizio della pagina