La Russia mette al bando i Testimoni di Geova: "Sono estremisti".

Secondo il ministero della Giustizia “costituiscono una minaccia per i diritti dei cittadini, l'ordine pubblico e la sicurezza pubblica".

La Russia ha messo al bando i Testimoni di Geova dopo che la Corte Suprema li ha accusati di essere un gruppo "estremista".

Una sentenza in cui si vieta all’organizzazione religiosa ogni attività sul territorio russo e con la quale si confiscano tutti i beni a favore dello Stato, si legge sull’’Indipendent’.

Secondo il ministero della Giustizia “costituiscono una minaccia per i diritti dei cittadini, l'ordine pubblico e la sicurezza pubblica".

Dal canto loro gli avvocati dei Testimoni di Geova hanno dichiarato che impugneranno la decisione del tribunale, che non è ancora entrata in vigore, per portare il loro caso anche davanti alla alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

I Testimoni di Geova, conosciuti per la predicazione porta a porta, non riconoscono alcune delle dottrine fondamentali riconosciute dalla gran parte delle altre confessioni cristiane, Oggi si calcola che essi siano e più di 8,3 milioni in tutto il mondo. Il gruppo statunitense è stato spesso al centro di controversie in particolar modo per il rifiuto delle trasfusioni di sangue, affrontando processi giudiziari in diversi Paesi.

 

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Chi è online

Abbiamo 239 visitatori e nessun utente online

Vai all'inizio della pagina